Un barca a vela InSuperAbile

Salire su una barca e vivere il mare è un’esperienza bellissima. Ogni persona dovrebbe avere la possibilità di provare questo genere di sensazioni. Purtroppo a tutt’oggi il settore della nautica non ha un’offerta adeguata alle necessità di chi ha un handicap motorio.

Da questa considerazione nasce NicNac, una barca a vela ideata per condividere con i portatori di handicap la passione per il mare. E’ stata realizzata grazie all’intelligenza e sensibilità del prof. Mario Bellipanni e all’amicizia che lo lega ad Andrea Sica, un suo alunno dell’Istituto per geometri “Tallini “.

C’era bisogno di una barca su cui Andrea, affetto da un handicap motorio, la tetraparesi spastico- distonica, potesse salire con la propria carrozzina, provare la sensazione unica di guidarla, fare il bagno, condividere con Mario la bellissima esperienza della navigazione. Così, vedendo con quale sicurezza Andrea guidasse la sua carrozzina elettrica, semplicemente agendo su un joystick, Mario ebbe l’idea di creare un dispositivo che consente il controllo del timone a barra con un semplice joystick trasformando il normale timone di una barca a vela. Qualche notte insonne per studiare come funziona Arduino e il sistema per il timone era fatto (è stato esposto anche alla Maker Fiera di Roma nell’ottobre 2018)… E grazie alla collaborazione dell’Istituto Nautico “Caboto” è iniziata la fase della lavorazione della barca di metri 4,40, realizzata in compensato marino.https://amzn.to/2FuCir4 fibra di vetro e resina epossidica dando cosi il via al progetto InSuperAbile, una barca a vela con delle modifiche per permettere anche a chi ha un handicap motorio anche “grave “ come Andrea di fare questa esperienza.

NicNac è il nome  della barca su cui Mario ha regatato da ragazzo e richiama una persona che è stata di grande aiuto in questo progetto.

L’imbarcazione è dotata di:

  • timone che può essere controllato  con diversi dispositivi necessari per diverse abilità (joystick, comandi vocali, sistema controllato dal sip & puff)
  • un micro-micro computer denominato Arduino che si occupa di ricevere i segnali dall’esterno e di trasmetterli ai dispositivi (i cosiddetti attuatori) che controllano timone e vele.
  • scivolo per imbarcarsi da terra
  • gruetta per calarsi in acqua

Per info consultare il sito web www.velainsuperabile.it

Ti potrebbe interessare anche...