Fondazione Paideia: i primi trent’anni di attività.

La Fondazione Paideia presenta il bilancio di un anno speciale, il 2023, in cui l’Ente Filantropico ha festeggiato i primi trent’anni di attività. Nata nel 1993 a Torino per iniziativa delle famiglie Giubergia e Argentero, anno dopo anno Paideia ha saputo crescere e rinnovarsi costantemente per rispondere ai bisogni dei bambini con disabilità e delle loro famiglie. “Dopo una prima metà di storia orientata a un modello prettamente erogativo – racconta Fabrizio SerraSegretario Generale della Fondazione Paideia – abbiamo vissuto una profonda evoluzione, con un approccio diventato prevalentemente operativo, senza però modificare l’obiettivo di fondo: rappresentare un sostegno a chi si trova in difficoltà, generare occasioni di incontro, favorire lo scambio di idee innovative e la nascita di buone pratiche che possano rappresentare un supporto per famiglie in condizione di momentanea fragilità.

Nel 2023 Paideia ha superato la quota di 1.000 bambini supportati nell’arco dell’anno, che corrispondono a 950 famiglie accolte. Un dato che risulta in crescita sul triennio e, in particolare, dell’11% rispetto all’anno precedente. “Continua lo sforzo di integrazione tra servizi differenti – aggiunge Serra – per rispondere ai diversi bisogni che arrivano, con uno sguardo che sintetizza le visioni portate dagli approcci Family Centered Care e Integrated Community Care: da una parte la famiglia, vista nel suo complesso e nella pluralità dei suoi bisogni; dall’altra la comunità, attore fondamentale per realizzare il principio di inclusione quotidiana”.Nell’anno in cui si registrano numeri crescenti su molti fronti (i contributi di sostegno economico, aumentati di quasi 100.000 euro, o il coinvolgimento delle famiglie in attività di socializzazione, arrivate quasi a quota 300, o ancora i quasi 100 siblings coinvolti in attività dedicate), si festeggiano anche i primi 365 giorni di operatività della nuova sede di Paideia a Milano, che ha permesso di incrementare l’impegno della Fondazione a favore dei bambini con disabilità e delle loro famiglie aprendosi a nuovi territori per rispondere a un bisogno crescente.

Oltre al rafforzamento di attività sportive, esperienze in natura per favorire il benessere delle famiglie, attività formative ed educative che trovano sempre più consenso e attenzione, come le progettualità di lettura inclusiva o la formazione degli operatori culturali, nel 2023 è andata in scena anche la prima edizione del festival di Paideia: in questa occasione è stata presentata anche l’indagine di Fondazione Paideia e BVA-Doxa sull’impatto della disabilità sul sistema familiare.